Petsblog Animali domestici Tartarughe Tartarughe da compagnia: come sceglierle e curarle

Tartarughe da compagnia: come sceglierle e curarle

Tartarughe da compagnia: come sceglierle e curarle

Le tartarughe da compagnia sono tra gli animali domestici più scelti, dal momento che sono silenziose, carine e non perdono pelo. Le tartarughe possono vivere a lungo, da 50 a 100 anni: se ne prendi una come animale domestico, preparati a fornirgli cure per tutta la vita e considera che potrebbe persino sopravvivere a te!

Comportamento e temperamento delle tartarughe

Le tartarughe sono docili e tendono ad essere timide, a meno che due maschi non vengano messi nello stesso recinto l’uno con l’altro. Questo non è consigliabile: due esemplari maschi, infatti, potrebbero diventare aggressivi l’uno verso l’altro e attaccarsi a vicenda, provocandosi a volte gravi lesioni.

La maggior parte delle tartarughe sono troppo grandi per essere maneggiate da adulti; è consigliabile evitare di farlo anche quando sono più piccole. Ciò può causare lo stress della tartaruga, che spesso porta allo sviluppo di una malattia.

Il più grande svantaggio di una tartaruga da compagnia per la maggior parte delle persone è la loro lunga vita. Le tartarughe più grandi, come la sulcata, possono vivere fino a 80 anni, quindi dovrai avere un piano per prenderti cura di una tartaruga da compagnia nella loro e tua vecchiaia.

Habitat

Molte specie di tartarughe sono abbastanza grandi e necessitano di un recinto di dimensioni adeguate, preferibilmente all’aperto. A causa di queste necessità, le tartarughe da compagnia sono più adatte ai climi miti.

A seconda delle temperature del luogo di provenienza della tartaruga e dell’area in cui vivi, potrebbe essere necessario portare le tartarughe da compagnia in casa durante la notte o durante la stagione più fresca.

Se le tartarughe sono grandi, fornire un alloggio al chiuso può essere una grande sfida. Alcune specie hanno anche bisogno di andare in letargo, il che può essere molto stressante per la tartaruga e, in questo caso, sono necessarie condizioni ambientali speciali.

Quando costruisci un recinto per esterni per tartarughe, devi assicurarti che sia forte e ben piantato in terra. Le tartarughe sono piuttosto forti, specialmente quelle più grandi, e i recinti fragili non le terranno a lungo.

Alcune tartarughe si arrampicano anche sorprendentemente bene, quindi potrebbero richiedere un recinto coperto. È anche molto importante assicurarsi che il recinto tenga fuori i predatori, compresi i cani. Assicurati che non ci siano pericoli all’interno del recinto, comprese piante velenose. Prevedi una piccola vasca d’acqua poco profonda; meglio evitare oggetti appuntiti o piccoli  che potrebbero essere ingeriti accidentalmente.

Alcune tartarughe potrebbero ribaltarsi sulla schiena nel mentre provano a salire gradini o altri ostacoli: ciò dovrebbe essere evitato. La maggior parte delle tartarughe da compagnia avrà anche bisogno di un riparo all’aperto, come una cuccia (molti proprietari spesso le riscaldano).

Alimentazione delle tartarughe

Le tartarughe possono essere animali domestici interessanti, anche se possono presentare alcune sfide a causa delle loro dimensioni e delle loro abitudini alimentari. Le diete variano in base alla specie, ma tutte le tartarughe da compagnia necessitano di una varietà di alimenti con particolare attenzione alla quantità di foraggio grezzo e agli equilibri calcio/fosforo del loro cibo.

Alcune specie hanno appetiti voraci e hanno anche bisogno di una grande quantità di cibo. Il tempo per la preparazione quotidiana del cibo e i costi associati alla quantità di cibo che mangia una tartaruga dovrebbero essere presi in considerazione prima di prenderne una come animale domestico.

Come scegliere la tua tartaruga domestica

È meglio, come con qualsiasi rettile, prendere una tartaruga da compagnia allevata in cattività. Questo non è facile da fare per alcune specie, ma le condizioni di cattura e spedizione possono essere spaventose e gli animali possono stressarsi al punto tale da sviluppare malattie. È anche possibile valutare di prendere una tartaruga salvata da circostanze sfavorevoli o abbandonata: ad esempio, quando i proprietari si rendono conto di non essere in grado di gestire la quantità di cure richieste da una tartaruga.

Qualsiasi tartaruga da compagnia che entra nella tua famiglia dovrebbe essere controllata per i parassiti e messa in quarantena per un po’ per assicurarsi che sia sana, specialmente se sono presenti altre tartarughe. Alcune specie possono essere aggressive con altre tartarughe e se un paio di maschi vengono tenuti in un recinto troppo piccolo, possono verificarsi combattimenti. Ciò potrebbe causare lesioni potenzialmente gravi intorno agli occhi e alle gambe.

È fondamentale scegliere la giusta specie di tartaruga da compagnia per te in base alle esigenze abitative, ambientali e dietetiche. Specie diverse di tartarughe adulte hanno dimensioni, esigenze di temperatura, luce e diete notevolmente diverse tra loro e alcune hanno bisogno di andare in letargo mentre altre no.

Assicurati di fare ricerche dettagliate su ogni singola specie di tartaruga che stai considerando prima di acquistare il tuo nuovo animale domestico. Le tartarughe da compagnia comuni includono tartarughe russe, dalle zampe rosse e con testa di ciliegio, sulcata, greche e radiate, ma ce ne sono anche molte altre (come la Tartaruga di Hermann).

Problemi di salute comuni

Come la maggior parte dei rettili, le tartarughe sono soggette a infezioni respiratorie. Le tartarughe da compagnia che sono state allevate in natura hanno maggiori probabilità di soffrire di infezioni respiratorie, che derivano da condizioni non igieniche. Proprio come le tartarughe acquatiche, una tartaruga con un’infezione respiratoria apparirà letargica, perderà peso e potrebbe mostrare muco in eccesso intorno alla bocca e ai passaggi nasali. I primi segni di un’infezione respiratoria includono respiro sibilante e rifiuto del cibo.

Le infezioni respiratorie vengono solitamente trattate con antibiotici somministrati tramite iniezione, ma ciò richiede una diagnosi da parte di un veterinario qualificato per rettili. Mentre la tua tartaruga è in cura per un’infezione respiratoria, dovrebbe essere tenuta al caldo.

Le tartarughe sono anche suscettibili alla malattia metabolica delle ossa (MBD), che è il risultato di una dieta che non ha abbastanza calcio. Come molti rettili, le tartarughe devono essere esposte ai raggi ultravioletti A e B (UVA/B) per poter assorbire il calcio. Le tartarughe in natura in genere si crogiolano al sole per la maggior parte delle ore di veglia per ottenere questo livello di esposizione ai raggi UVA/B.

Se una tartaruga non riceve abbastanza calcio, il suo guscio mostrerà segni di sofferenza. Se si tratta di una giovane tartaruga, il guscio potrebbe non crescere a una velocità sufficientemente rapida. Le tartarughe più anziane possono sviluppare ossa deboli nelle gambe e avere difficoltà a camminare o addirittura subire fratture ossee.

L’MBD è curabile, ma più a lungo persiste, minori sono le possibilità di guarigione della tartaruga. Consulta un veterinario qualificato, che probabilmente consiglierà una dieta ricca di calcio e una maggiore esposizione alla luce solare o ai raggi UVA/B.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare